Aggiornamenti sul mercato dei piani 29 novembre 2021

Andamento del mercato dei piani

Il mercato europeo dei piani è rimasto sotto pressione a causa del basso assorbimento di materiale del settore automobilistico che non ha favorito la riduzione degli stock di magazzino lungo la filiera. Viene comunque segnalato un previsto allentamento dei problemi di offerta dei semiconduttori dal secondo trimestre del prossimo anno e ciò potrebbe riportare i ritmi di produzione del settore auto alla normalità.

Nel frattempo i produttori europei stanno faticando ad acquisire ordini sufficienti a saturare le loro capacità produttive per il primo trimestre. Le acciaierie stanno manifestando un certo nervosismo nei confronti dei grandi acquirenti che pare abbiano comunque aumentato i loro volumi di acquisto nella percezione di possibili rimbalzi non appena l’eccesso di scorte si ridimensionerà.

Viene rilevata una gamma di prezzi molto divergenti sul mercato a causa anche della disomogeneità della richiesta in funzione dei settori finali di impiego.

L’atteggiamento dei buyers europei è condizionato anche dal particolare periodo dell’anno in quanto ci si avvia verso la chiusura dell’esercizio con approvvigionamenti ormai già definiti per le esigenze di raggiungimento dei livelli di stock legate alle politiche di bilancio delle singole aziende.

Perdura poi l’attesa dell’esito della chiusura dei contratti annuali automobilistici per il 2022 che daranno maggiore chiarezza sulla direzione dei prezzi di mercato.

Nell’ambito dei rapporti tra UE e USA è stata valutata attentamente da parte dei produttori l’avvenuta definizione delle quote per paese e per prodotto di acciaio esportabili da gennaio 2022 negli USA senza dazio. Secondo alcune fonti le quote definite potrebbero essere insufficienti per compensare completamente l’eccedenza causata dal minore prelievo automobilistico.

La domanda di importazioni è contenuta nonostante alcune offerte competitive. I prezzi di importazione non sono ritenuti interessanti dai buyers. Molti considerano il rischio di approvvigionarsi al di fuori dell’UE superiore al differenziale di prezzo rispetto al livello nazionale. La maggior parte degli acquirenti ha scarso interesse ad acquistare dalla Turchia o dall’India, le due principali fonti di import. Ciò a causa delle misure di salvaguardia e dei dazi antidumping.

In Italia viene sottolineato il problema della logistica che sta ostacolando fortemente la regolare consegna del materiale a causa della carenza di autisti di camion e della legislazione che impedisce l’utilizzo dei camion eccezionali fino ad ora largamente impiegati per il trasporto di più coils con lo stesso mezzo.

I segnali di ripresa dei prezzi in Cina

In Cina migliorano le aspettative di una ripresa della produzione di acciaio grezzo. Il superamento delle avverse condizioni meteorologiche dell’ultimo periodo e la maggiore disponibilità di finanziamenti sugli immobili hanno determinato un incremento a breve termine della domanda di acciaio.

Questo ha favorito una crescita dei prezzi sia delle materie prime (in particolare del minerale e del rottame) che dell’acciaio. Sembra che un importante produttore cinese abbia addirittura sospeso le sue offerte in conseguenza al rapido rialzo dei prezzi delle materie prime e dell’acciaio.

I dati sulla produzione mondiale di acciaio

Secondo i dati della World Steel Association la produzione mondiale di acciaio grezzo è stata di 145,7 milioni di tonnellate (Mt) in ottobre 2021, con un calo del 10,6% rispetto a ottobre 2020. Si tratta del terzo calo consecutivo su base annua dovuto alla riduzione della produzione in Cina in contrazione per il quinto mese consecutivo.

Ottobre è stato anche il primo mese dal marzo 2018 in cui la Cina ha prodotto meno del 50% del totale dell’acciaio grezzo globale, al 49,14% della quota totale.

Il secondo produttore mondiale di acciaio, l’India, ha aumentato la produzione in ottobre del 2,4% su base annua e del 2,6% mese su mese a 9,8 milioni di tonnellate.

La produzione dal Giappone è salita del 14% su base annua e dell’1% a settembre a 8,2 milioni di tonnellate, mentre la produzione dagli Stati Uniti è aumentata del 21% su base annua e del 2,8% mese su mese a 7,5 milioni di tonnellate.

Aumenta la produzione europea

La produzione di acciaio grezzo in tutta Europa, incluso il Regno Unito, è salita del 6,8% su base annua a 17,8 milioni di tonnellate.

La Germania, il più grande produttore europeo di acciaio, ha prodotto 3,65 milioni di tonnellate, il 7% di incremento su base annua ed il 9,4% su base mensile.

I dati dell’incremento delle produzioni preoccupano considerata la crisi della domanda di auto in corso. In considerazione di ciò, alcuni produttori hanno sospeso temporaneamente le loro linee di zincatura fino a quando non ci sarà ulteriore chiarezza sulla reale domanda europea di acciaio.

La Turchia aumenta la produzione

Nel frattempo, la Turchia ha prodotto 3,5 milioni di tonnellate, in crescita dell’8% sull’anno e del 4,9% in più rispetto al volume di settembre. La produzione di acciaio grezzo delle fabbriche turche ha raggiunto i 33,3 milioni di tonnellate.

Se la tendenza all’aumento dovesse continuare, l’Associazione turca dei produttori di acciaio (TCUD) prevede che la produzione del 2021 supererà i 39 milioni di tonnellate, un livello record e notevolmente superiore ai 35,8 milioni di tonnellate prodotti nel 2020 nonostante la pandemia di COVID-19.

I nuovi investimenti delle acciaierie turche annunciati quest’anno potrebbero portare la produzione annuale di acciaio turco sostanzialmente superiore a 40 milioni di tonnellate nei prossimi anni, e la Turchia potrebbe persino diventare il più grande produttore di acciaio d’Europa, superando la Germania, hanno osservato fonti del settore.

La Germania ha prodotto 33,6 milioni di tonnellate di acciaio grezzo nei primi dieci mesi del 2021, in aumento del 15,1% su base annua.

Si precisa che i dati rilasciati coprono i 64 paesi che riportano a worldsteel, rappresentando circa il 98% della produzione mondiale di acciaio grezzo.

Affidati a un partner competente
per trovare sempre l’acciaio giusto.

Rivolgiti ai tecnici Sangoi:
con la formula Steel Up® di Sangoi
puoi avere questo e molto di più per il tuo business.

Chiedici maggiori dettagli!

Scopri di più qui

 

Alessandra Sangoi

Alessandra Sangoi
CEO

Mercato dei piani