Aggiornamenti sul mercato dei piani 10 gennaio 2022

Andamento del mercato dei piani

Il mercato europeo dei piani è rimasto in sordina nel corso delle festività natalizie. Gli operatori sono però ansiosi di capire come partirà il primo trimestre del 2022 in relazione all’andamento dei prezzi ed alla disponibilità di materiale.

Secondo alcune fonti la domanda automobilistica potrebbe riprendere in modo deciso nel Q1 e questo potrebbe innescare nuove tensioni sui prezzi. Altre fonti nutrono dubbi su una rapida ripresa dal settore automobilistico già dal primo trimestre.

Va poi considerato che i contratti annuali dell’automotive non sono stati ancora definiti e questo priva il mercato di un riferimento importante su cui basare le sue previsioni.

Negli scenari prefigurati dagli esperti preoccupano le implicazioni dei rincari dei costi energetici, della carenza di magnesio, dell’aumento dei dazi all’esportazione cinesi e della strada tumultuosa per raggiungere l’acciaio verde.  Tutti condividono che questi elementi favoriranno il mantenimento dei prezzi dell’acciaio su livelli molto più elevati dei periodi antecedenti la pandemia.

Per quanto riguarda l’import, esso continua ad essere molto competitivo da alcune fonti ma il quadro ancora incerto dei vincoli delle misure di salvaguardia non incentiva gli acquisti dall’estero.

I dati di utilizzo delle quote di salvaguardia per il 1° trimestre

Sono stati appresi con interesse i recenti dati sull’utilizzo delle quote previste dalle misure di salvaguardia per il primo trimestre 2022. Secondo la divulgazione dei primi dati emerge che i nuovi contingenti dei coils a caldo si stiamo riempendo ad un ritmo meno veloce del previsto.

Da un’attenta analisi risulta però che la Turchia abbia già soddisfatto le aspettative di un rapido utilizzo del contingente, con 222.542 tonnellate in attesa di assegnazione al 3 gennaio, il 69% della sua franchigia doganale di 323.205 t.

Le quote dei coils a caldo di origine indiana invece, risultano finora utilizzate su livelli inferiori al previsto, con 52.557 t su 166.027t in attesa di assegnazione.

Molto critico risulta il ritmo di utilizzo della quota di acciaio zincato a caldo destinata al settore automobilistico che si sta già avvicinando al suo esaurimento, con il 97% del volume consentito importato. Il materiale indiano e quello cinese hanno già superato di gran lunga l’importo assegnato.

Ufficializzato l’accordo sulle quote dell’UE negli USA

È stato formalizzato l’accordo tra USA e UE sui contingenti tariffari sulle importazioni di acciaio dall’Unione Europea.

L’accordo prevede che entro la fine del 2023 3,3 milioni di tonnellate di prodotti siderurgici potranno entrare negli Stati Uniti dall’UE senza dazi.

Eventuali spedizioni eccedenti a tale quantità saranno soggette alle tariffe 232 originariamente imposte nel 2018 dall’allora presidente Donald Trump e mantenute dall’attuale amministrazione.

Il presidente Biden è stato attento a prevedere che tutte le importazioni di acciaio debbano essere prodotte in un paese membro dell’UE per ricevere il trattamento esente da dazi.

È stato inoltre stabilito che tutte le esclusioni concesse nell’anno fiscale 2021 (dall’1 ottobre 2020 al 30 settembre 2021) dal Dipartimento del commercio degli Stati Uniti per consentire ai prodotti siderurgici dell’UE di entrare in esenzione da dazi negli Stati Uniti siano rinnovate per altri due anni solari.

L’American Iron and Steel Institute, che rappresenta gli interessi dell’industria siderurgica nazionale, ha risposto favorevolmente agli accordi tra USA e UE: “Siamo particolarmente gratificati dal fatto che solo l’acciaio prodotto nell’UE trarrà vantaggio da questo accordo alternativo”, ha affermato il presidente e amministratore delegato di AISI, Kevin Dempsey. “La corretta attuazione e applicazione della quota tariffaria sarà cruciale per prevenire un’altra impennata delle importazioni di acciaio che minerebbe la nostra industria e distruggerebbe i posti di lavoro americani ben pagati”.

In Europa non si prevede un significativo reindirizzamento dei volumi di acciaio dal mercato interno europeo. Le 3,3 milioni di tonnellate/anno di acciaio europeo importabili negli Stati Uniti in esenzione da dazi corrispondono ai volumi medi del 2015-17. Non si intravedono pertanto forti contraccolpi nella disponibilità di acciaio nel mercato europeo causati dalle esportazioni verso gli Usa. Si osserva inoltre che i livelli di prezzo molto favorevoli negli Stati Uniti hanno incoraggiato comunque l’export di materiale UE già nel 2021 nonostante i dazi.

Le prospettive sugli indici di produzione in Cina per il 2022

Fonti di mercato si aspettano che il settore manifatturiero cinese acquisisca maggiore slancio al rialzo nel 2022 per le misure finanziarie di stimolo annunciate dall’amministrazione pubblica allo scopo di stimolare sia i settori manifatturieri legati ai consumi che quelli legati alle costruzioni.

Si prevede che la contrazione delle forniture di chip per veicoli diminuirà gradualmente nel primo semestre del 2022, consentendo alla produzione di veicoli passeggeri di aumentare rispetto ai livelli attuali.

La China Association of Automobile Manufacturers prevede che la produzione di veicoli cinesi nel 2022 aumenterà del 5,4% su base annua a 27,5 milioni di unità.

Anche la domanda estera di manufatti cinesi dovrebbe rimanere forte per gran parte del 2022, fintanto che dall’estero non dovessero partire strette monetarie mirate a frenare l’inflazione.

Gli operatori si attendono che il mercato cinese dell’acciaio dei piani sia sostenuto dalla ripresa della domanda dai suoi settori manifatturieri, almeno nel primo semestre 2022.

Tuttavia, permangono preoccupazioni per i possibili inasprimenti delle politiche monetarie negli Stati Uniti nella seconda metà del 2022, che potrebbero indebolire la domanda estera, e limitare anche lo stimolo monetario nei mercati cinesi

Con l’invio di questa prima newsletter del 2022 approfittiamo per augurarVi un anno ricco di stimoli e di soddisfazioni professionali.

Affidati a un partner competente
per trovare sempre l’acciaio giusto.

Rivolgiti ai tecnici Sangoi:
con la formula Steel Up® di Sangoi
puoi avere questo e molto di più per il tuo business.

Chiedici maggiori dettagli!

Scopri di più qui

 

Alessandra Sangoi

Alessandra Sangoi
CEO

News 10 gennaio 2022